Una promessa scorretta


Una farfalla zoppa si accinge a librare nella pentola di un tapiro urlante, mentre le catene frustano gli occhi di una ragazza che non vuole vedere né sentire. Il mondo gira ma le palle restano attaccate a un testicolo marrone e rosso con un occhio guercio. In fondo anche stare a sentire la radio prende un limite di decibel non indifferente che mi parla ad un orecchio e mi dice “Scoppia ora che puoi senz’aspettare che Facebook te lo permetta” e io penso a quanto è bello il mondo Facebook dove tutti sono felici e sorridenti e pensano positivo e amano la vita e la vita è solo bella. Che bello sarebbe rendere pubblica la depressione. Perché non si fa? Perché è troppo contagiosa
Torniamo alla libellula che viene alla fine soffritta in mezzo ad un brodo di sperma bianco lattice insieme al preservativo e alle anime spente dell’inferno rosso. Ho bisogno di musica nelle orecchie per dimenticare la vita. Ho bisogno di sperma per uccidere un’anima di note armoniche che non parlano che di sonno eterno, e ballano un ballo scozzese che porta indietro nella magia celtica. Un violino tzigano mi porta in sogno attraverso colline alberate in una bruna faccia appesa alla finestra che mi fissa attonita.
Scoppio ora che posso in una bomba dai mille pezzi di stelle che si votano a vicenda e formano una democrazia che riposa in pace sul cimitero delle anime di facebook che muoiono gioiosamente nella festa della guerra quotidiana in un macero che lentamente le trasforma in fango industriale riciclabile. Un decomposto che verrà poi rimesso nel ciclo produttivo senza l’interferenza. Cosa succederebbe se il Vaticano proclamasse uno sciopero globale?

Annunci

Strutti e ristrutti in cerca d’autore


Una bomba di cenere mi è cara in questa solitudine color arlecchino. Simpatico Arlecchino, una testa che gira e un bottone premuto sull’ombelico del mondo. Tu credi che avesse sale in zucca? Sì, perché un asfalto ben oliato richiede un condimento sano e nutriente in linea con i rendimenti finanziari. Dice lo sciamano. Saggio quanto il petrolio santo. E il vino. Dillo che anche tu alzi il gomito per sentirti uomo. È per questo che credo che alla fine soccomberai davanti alla spada di una seggiovia ipergarantista.
Mi piego davanti al falco cadente in una valle di lacrime ossigenate. Un velo di strutto migliora il sapore della povertà e il ricco stride davanti alla paura di una rivoluzione rotatoria. Ti mando un abbraccio lettore della malora affinché i tuoi baci possano accarezzare il suono di un bastardo nato nella selva amazzonica. Che dici? Possiamo sturarci il naso nascosti dallo schermo di un computer? O masturbarci in videoconferenza in sessione plenaria del parlamento europeo? Certo perché siamo pompieri della democrazia. Strutti distrutti da illusione, speranza ed evasione accompagnate da farina, festa e frusta.
L’incompetenza della democrazia legittima un’oligarchia di colabrodo missilistico che accantona i polli scatenati di un orrido occhio guercio che ti guarda da una webcam dicendoti che lo fa per prevenire i tuoi infarti. Un malato è una merce che si compra e che si vende diceva Mitterrand senza un minimo di rispetto per la menzogna di Stato e per i suoi milioni di elettori sani. Liberati dalla pastasciutta e passa alla pasta bagnata. Uccidi il padre, il figlio e lo Spirito Santo affinché la pace regni ultraterrena e ultras della curva sud.
Una nuova locanda apre nel Texas della valle del silicone.
Vero, ma falso