Una sifilide


Osservo il piombo di una pistola tessere la ragnatela intorno ad un insetto traditore che aspira la puzza di morte incombente con serena disperazione. Ruota attorno a se stesso imbrigliandosi ancora di più nella puzza. La puzza serena lo rende malleabile al panico e a farsi succhiare l’anima da pezzi di gommapiuma che decidono degli escrementi degli altri. Nella zona paludosa intorno a Bologna una melma maleodorante affligge i reumatismi di Federico Fellini che dopo la morte continua ad andare a puttane con cadaveri ambulanti sia di giorno che di notte. Nell’oltrebomba un terrorista si fa saltare le palle per arrestare una colomba della pace adultera e lapidaria.
A proposito a quando le trecce di una bella samarcanda? Sì perché se in chi l’ha visto non si vede niente non è che uno può vedere più in là del suo naso e a questo punto bisogna pure avere un po’ di naso per ricordarsi la filastrocca della nonna di Babbo Natale. Anche perché solo quando è Natale le frecce tricolori si colorano di rosso. Che è il colore del sangue. Che come dice il saggio il sangue fa buon vino e allora beviamo alla salute dell’Oktober Fest e proliferiamo la saggezza di un quinto di caraffa polinesiana. Là dove le vacanze ti saltano in braccio e ti fanno l’amore senza che te ne accorgi. È per questo che mi tuffo in una turca con la bidella e ci riuniamo insieme per un rutto folgorante, un orgasmo del cervello, proprio. E rolliamo una canna per fumare il cervello in un brain sforming al microonde che scende giù per le scale di una portoghese africana a piccole dosi di cocaina sformata da una diarrea laringitosa. Anche la laringe ha i suoi diritti. E la possibilità di emanciparsi da rutti ragnosi di cocaina.
Una sifilide silenziosa striscia sulle tacche di un pezzo di carta multidimensionale. Prega il croupier di non farla partorire con dolore ma con barzellette esilaranti.
Cantando loacker che bontà scolo un fiasco di vino stappando lucciole notturne in piedi davanti al parroco. Ave Maria piena di grazia. È estate fratelli di Dio finché non vi arriva il pdf nella posta elettronica.

Annunci

Tre piedi


Ciao. Difficile dire se apro un a porta o chiudo il buco del culo, ma comunque ciao. Anche perché se no non saprei con chi fare l’amore stasera. Una partita a carte con una schiera di angeli scioglierebbe in lacrime le fruste dell’inquisizione in una macina di sale. Ma se voliamo vicino al sole ci scottiamo le palle. Non in un universo multidimensionale dove le palle hanno una consistenza di un’anima in calore.
Così, io e te scendiamo le scale dell’immaginazione e prendiamo un tè mentre ascendiamo al cielo con sette veli sul seno per proteggerci dagli sguardi impuri degli angeli. Insieme a te brandisco un madido di sudore che cola dagli anfratti di un uccello sparviero che raccoglie i resti delle mensole adibite a festa da matrimoni con belve cornute e racchie sonnolente. Annaffiamo nel vino i ricordi di un’alluvione di sperma e cotolette mentre riviviamo giocosamente le nespole di un tricheco violento, ma barzellettiere.
Ieri mi sono spinto in una carrozza con tre piedi e due mensole sporgenti. Sporgeva il viso di una regina. Vecchia e sozza. Adibita a gran parata. La vedevo sognare di farsi un cavallo della carrozza di cui era perdutamente innamorata. Accoppiarsi con lui non aveva generato un minotauro, ma solo un mini uomo che batte la testa contro la parete del letto matrimoniale. Comunque il padre non era Minosse ma un oste ubriaco che aveva fatto fortuna nel campo dell’immobiliare per andare a parare in porta durante i mondiali di pallanuoto.
E allora ciao caro, passa una buona notte, ma non uscire durante i sogni o rischieresti di non poterci più rientrare se prendi troppo freddo. Capito?

Il salto del ruscello


Un pasto di ieri si stempera contro la follia di oggi che mi tocca gli artisti neuronici in modo dittongo. Vedo la mania sulla Terra scopare un pentolone di birra a secco. Un lupante cretino mi provoca l’epistocentro per farne una mucosa intestinale. E allora ridiamo insieme in quella che è la pasta al sugo della terra.
Nel buio mi sfracello contro il pavimento e dissocio la mutanda intestinale dalla ghiandola surrenale di Egisto. Il trisavolo si succhia una canna da zucchero mentre il pleistocene arriva in ritardo. Vogliamo su un’era glaciale mentre pattiniamo nel deserto di luce radiosferica. Un pallone da kinesista si stampa sui quotidiani del mezzogiorno d’italia. Enunciamo le vittime della grande guerra gastrica tra fiori e libellule. Grassi vermi si dividono i resti di mammelle di mucca tra dotte discussioni sulla sfericità dell’universo e teosofie distorte della realtà multidimensionale.
Percio’ cambio canale e guardo il grande pratello in un urlo di angoscia che scorreggia cipolle e chips alla paprika uccidendo una mosca che si trova vicino al culo. Stamattina mi sono alzato e ho mangiato briciole di quella mosca leggendo il giornale su google. Esperti di ogni parte del monto interstellare si danno appuntamento a rimini per una tre giorni di bancherelle e puttane. I nuovi barbari scendono dalle scale di un precipizio che porta nei petali di una violetta affumicata. Oggi mi mangio il salmone che sta tornando a nuova vita in frigo.