Cadaveri in lotta per la sopravvivenza stappano una bottiglia di champagne


In una serie di alterchi una testa mozzata si smarca dalle isole del Madagascar e sposa una turckmena in nozze coniugali per lettera epistolare. Una voce dal nulla canta una musica country lounge e mi racconta le sue esperienze di sesso nella prateria danese tra chitarra e mandolino, birra e pisellino. Ma è in Botswana che sono nati i Watussi? Così. Mi suona. Ma magari non c’entra un Kenya.
Scrosciano gli applausi tra spire di libidini biforcute e la voce suona e intona una marcia nuziale per cadaveri smartphonizzati che comunicano ma non comunicano, parlano e ascoltano il suono del silenzio rimbombare a campana in echi vuoti e spazi siderali senza ritorno né alla vita né alla morte e senza sapere se l’aldilà è ora o tra un mese e in fondo chi se ne frega.
Quindi balliamo la salsa di pera tra siringhe di pace e spruzzi di liquidi riproduttivi e lecchiamoci le orecchie mormorando parole d’amore bastardo per ritornare alle origini di un baccalà beccamorto che dipinge volti sereni prima di seppellirli e non riesce a dipingere quelli viventi che si muovono troppo s’innamora di una in coma. Una passione che dura una vita. E una morte.
Ma, in fondo, piango?

Annunci

Il ballo del pandoro liquido


Eccipienti lenti venerano la mortadella rancida. Evinco una giornata buia e grigia, mentre il mondo nuota in mezzo ad un mondo acquatico che gioca allegramente saltellando di qua e di là, di qua e di là. Posseggo le palle di neve che mi si sciolgono tra le palle degli occhi e vado in Madagascar.

Un uomo sui trentacinque, pelato e con due occhi a palla di pesce, si masturba ai piedi del suo letto dopo una telefonata che gli annuncia la morte di suo padre.

Una donna francese, castana sui quarantanove anni, si masturba in terrazza dall’alto del suo hotel al trentaseiesimo piano durante una notte d’estate bevendosi un té nero bollente, pensando al seno di un’amica di sua figlia.

Due koala di cinque anni lui e sei anni lei, fanno l’amore durante il giorno, nello zoo di Rio de Janeiro e tre bambini di cinque, sette e undici anni, guardano interessati e in silenzio mistico, mentre i genitori chiacchierano al bar poco lontano.

Dodici studentesse universitarie in vacanza nel sud della Spagna fanno l’amore contemporaneamente con altrettanti ragazzi arabi più grandi di loro. Tre di loro vomitano l’alcol, una, lo sperma, due non vengono ma fanno finta di venire e racconteranno che è stato bello e solo la metà si diverte veramente, due di loro si scambiano il ragazzo.

Due conigli rosa fuxia ballano durante un rave dopo aver saccheggiato una dispensa piena di pillole, stranamente non hanno nessuna voglia di fare sesso.