L’anno del carciofo


Mi annego in un pozzo di birra per unire i punti dei satelliti che volteggiano tra i miei capelli e i pidocchi creatori del cielo e della terra, ma soprattutto della forfora grassa. Un volteggio da farfalla e mi incuneo tra il rubinetto e la sala parto di una clinica per cervelli bucati. Verifico i punti che uniscono i satelliti e mi buco una vena per iniettare la droga ogm che viaggerà a velocità sub luce e arricchirà gli atomi di birra per darmi sensazioni spaventose. L’unico rischio è che il corpo esploda. Ma è ok. Il pusher mi ha assicurato che è roba di qualità DOP e viene direttamente da Monsanto.
Mi lecco un orecchio sporco di sangue di bue macellato da mio zio ieri pomeriggio e tutto sommato avevo voglia di un po’ di cioccolato giallo che sa di sudore di gallina. Per quello che il brodo di oggi è così buono. Ho mangiato quintali di tortellini alla crema pasticciera che nuotavano allegramente tra pesci palla e orgasmi di brodo primordiale al sugo di carciofo. Mi sono tagliato la pancia per asciugare al sole il soffritto di burro che fuoriusciva dalle budella color pece e ho goduto del vomito della Carmela che si asciugava le labbra col lenzuolo mestruato.
Sono state feste festose per gli abitanti della Terra di mezzo. E di sopra. Ma non per quelli Di sotto. Loro hanno pasteggiato con ossa di bambino e peli di gatto. Hanno mangiato panettoni di scarto di cuoio e si sono bevuti sangue di Befana dell’anno passato. Si sono rotolati tra dolori e auguri di buon anno sapendo che si tratterà di arrivare vivi al prossimo, ma di lotta di classe non si parla più. Si parla solo di guerra tra poveri.
Il futuro dell’umanità dipende dalla riforma della legge elettorale. È a questo che tengono gli abitanti del calcio in culo. È da questo che dipendono i clienti dei ristoranti romani e i loro dipendenti. Tutto dipende dalla riforma delle circoscrizioni, anche il tuo mutuo. Se si cambierà questa sola legge allora sarà una grande vittoria. La testimonianza che i nostri dinosauri possono presentarsi agli elettori cantando vittoria. E pretendendo altri cinque anni per parlare della prossima ventura. Buon anno a voi, che possiate gemere di miseria al nostro posto. E noi dirvi che abbiamo cambiato la legge elettorale.

Annunci

L’ultima puntata della salsa rock in un capitello sardo


Saltano in una ragnatela i nasi di un pisello e volano sorridendo in una pentola a pressione nel sugo di lenticchie di aperitivi consigliati a freddo. Denudati in una sauna, si accapigliano con le carte da gioco e mazze da baseball.
Una partita si gioca tra le superpotenze termologiche con pesci e morene colorate di iodio sfuso, il calciatore asfittico si carica di kryptonite e sfida l’arcangelo Gabriele Moreno de la Calle, il portiere del rione di Quarridabat nella campagna spagnola.
Un inatteso fulmine carica gli elettrodi del suo cervello per un abbraccio tra i peli di una formica e la sua dentiera profumata di ascella tormentata e languida.
Un occhio imbevuto di salice piangente ritorna alle origini di dinosauri nel pleistocene improvvisando una scena teatrale con i bruciori di stomaco e i gas intestinali a fare da sfondo dell’ottava meraviglia dell’apparato digerente di Dio. Siamo in una città dei balocchi e mangiamo cacao soffritto sfuso da una roccia che lo permea come una fontana di noccioline biologiche.
E logiche. Internamente logiche. Equazioni piovigginano liquorose nelle menti di Mario psicopatico e lo fanno impazzire dalle risate in una colonna sonora di chitarre dello Sri Lanka.
In un linguaggio sforbiciato i greci iniziarono a ballare tutt’in tondo girando a destra e a sinistra scalciando di qua e di là, sempre più veloce, in un turbinio furibondo finche non cascarono tuti per terra morti, secchi, e sorridenti.
Il virus si spargeva letale come un regalo agli infelici che potevano così, morire, sì, ma ridendo a crepapelle. O crepapalle.
M’immergo in un untuoso sangue misto di primavera e pubblicizzo le doglie di una partoriente esangue.
È l’Annunciazione.