Un bel cavolo scarlatto


Sono circondato da spiriti peripatetici che fungono da esperti in corpi medici credendosi scienziati che si credono dei.
Affliggono frustate a piccoli vermi aberranti che si sciolgono nella merda zuccherosa delle loro frattaglie intestinali. Convengo che la battaglia è dura caro Watson e permettimi di dissentire basandomi sulla visione delle streghe di Salem mentre una bionda cattura la mia attenzione perché mette sale nel caffè.
Inshallah my friend che blowing in the wind. Salutami il vento e bacia le palle di Dio in una scopata divina nel canyon delle anime buongustaie.
In fondo Giovanna aveva ragione a masturbarsi in tribunale per scagionare lo stomaco del maiale.
Le Erinni urlano dall’alto dell’Ade e bruciano nelle sante Inquisizioni leggendo la pagina di cronaca nera.
Curaro my friend Alabama ricordati di Alamo e friggi le patatine in salsa di pus di peste nera per un piatto multicolor che attizzi la nostra fantasia di cadaveri ambulanti

Mi muoio d’amore


Una nota d’amore scheggia l’armonia degli dei. Una musica celeste si strugge all’idea del pianto. Una danza dolce che mi trascina fuori dal filo spinato mi sussurra parole di vento e di nubi, mentre la notte scende nel museo degli orrori.

Mi guardo in giro e vedo la paura di esistere che critica il giudizio universale e il pubblico applaude quando scroscia il sangue dei morti. Una nota d’amore devasta il sonno divino e fa titillare il palato al sapore di un lupo che azzanna il latte di pecora.

Odino mi parla e mi suggerisce di cambiare e di nuotare verso lidi avventati ma io gli rispondo che anche suo figlio era un po’ frocio “Non dirmi che le nubi  diventano rosse” “no, ma che il Gesù si rivolta nella tomba sì” “scopa!” “hai vinto, bastardo” “gioco da dio” “hai culo e basta” anzi ha barato ma navigare in acque tempestose non è facile per nessuno e allora andiamo a farci un giro di valzer viennese al ballo delle quindicenni. Fu lì che sua figlia baciò il tempo e fu lì che io scoppiai di pazzia e di amore.

Il resto è pioggia, solo ruggine piovuta da nuvole di letame violaceo.