Una gaia combriccola di pesci froci


Una gaia vicenda di pesci morti trascende la dimensione del mio pollo asciutto mentre i giochi della fame si srotolano davanti alla mia mente di grande fratellone. E aspetto che i buchi sotto le ascelle aspettino il pettine per lisciarsi i capelli e di nuovo le cascate del Niagara cascano e si fanno male. E di nuovo il medico prescrive una Rossana verderame per via orale e non è per quello che mi raso la pelle fino a farmi male, ma per le dinamiche in corso e il fatto che, no, non posso sopportare l’abolizione del Senato.
E allora perché? Questo il punto e questa la buccia di banana di un ganglio spinoso rettale fino all’addome e alla pancia violenta che diventa casta e pura nell’anello coronato di diamanti che non voglio dire che manca la poesia in questa torta sonnolenta, voglio solo dire che ho sonno. Ecco. E che la arbitraria volontà del giudice Stecchino di provocare l’arrivo della corsara di Colombo è un tentativo complottistico di taratura minore per fare sesso con le spiaggianti di Ostia e con le farfalle di rabarbaro in questa terra prodigiosa che chiamano…boh.
Un dermatologo mi fa La sua pustola è infetta. E allora, faccio io, si guardi la sua che cola pus che sembra la fontana di Trevi. Ma è un orologio, cos’ha capito, mi fa torvo. E allora provi a sfilarselo. E allora me lo dà, e allora me lo tengo e ciao. Perché il giallo, non era pus, era oro.

Buchi di culi


La villeggiante prona un rigore spirituale d’invidiabile cortesia mentre un idraulico installa tubi di marmitte catalitiche nella gola di un antropomorfo femmina per fare esperimenti alieni.
Mento sulla spazzatura e ti dico che era oro colato dalla bocca di un serpente di giada.
Per questo ti prendo per mano e ti porto tra le botteghe oscure di una ellissi adiacente a baciarti lungamente mentre il sapore di cipolla invade le mie papille gustative che ballano.
Ballano e muovono gocce di pioggia di lacrime condensate dal gelo di una stazione termale in fondo al mare. Là dove le tenebre sono ridotte a spazi pesanti tra i quali nemmeno una scarpa può camminare senza essere risucchiata dallo spazio tempo dei buchi neri.
Buchi di culi alieni.
Una pioggia radioamatrice porta via gli escrementi alieni e li deposita nella gola urbana di extracomunitari extraterrestri per il riciclaggio del composto appiccicoso.
M’illumino d’immensa gioia nel vedere il belvedere di un battello dipinto di orologi che si sciolgono nel burro irradiato e luminoso.
Un bramino indiano lecca i bordi della nave che sogna intrecci solidari con le banche che gracchiano solitari impedimenti lenti e svolazzano girando intorno alla preda moribonda come condor che aspettano che si cucini il pasto.
Temo di essere dipinto sugli allori di una vela che naviga verso l’imbecillità dall’altra parte dell’universo alla scoperta di nuovi mondi e nuove specie e nuovi mostri uniti dallo stendardo stellato della federazione galattica. Per riunirci con i nostri amici alieni e poter stringere loro la mano, se ce l’hanno.
Dormi piccolo infante. Dormi e cullati il dito.
Cullati e succhiati il pollice fermo al semaforo del tempo in una rotondità maschile segnata dalle cicatrici del parto.
Nuova vita al creatore.
Nuova vita al fumo.
Una nuova via sottende la cannabis.
Nuove specie renderanno grazie nell’alto del cielo e guarderanno in basso verso i serpenti che strisciano brucando le sementi di un dio culattone per ingravidarsi e generare una nuova civiltà di aborigeni spaziali tra canguri superstar e rockabilly antincendio.