Ovo sodo


Eschilo, Eschilo Senofonte. Una banana asimmetrica ti trafigge il culo da cui ami follemente il tuo tuorlo d’uovo. Ecco. Apriamo una città. Come una pentola asfittica che vola tra le stelle. Stelle, che hanno rotto i coglioni. Vola tra le capre. Ecco. Suona meglio. Capre ruspanti tra trivelle d’amore turchese. L’imbuto ballerino che pianta chiodi tra i miei pensieri. Oggi che finalmente Cristo è morto, ma pensate che casino se fosse ancora vivo. Oggi, dico, la capinera fa capolino tra panche e capre e si siede a prendere il sole con le piume arricciate dalla permanente di un mandolino a schermo piatto.

Scendo da una scalinata valorosa per prendere il frutto del seno tuo, Marilù. In una strada distonica ti suono la mia serenata che fa pressappoco cosi’: tracannati, tracannati, muori in una patata disperata che piange lacrime di rosso. Tracannati, tracannati mia dolce Marilova e soffri lentamente le pene del pene troppo grosso. Tracannati, tracannati, voglio sentirti urlare e sgranare i tuoi occhi mentre cominci a sentirlo tra il pancreas e lo stomaco perché lì voglio lasciare il mio seme. Sicuro che non resterai incinta. Eschilo, Eschilo Senofonte che sai di uovo sodo tra zanzare troppo arrabbiate che riproducono i resti delle loro fobie. Così ti amo e così sia tra le luci dell’Alcantara e un Olé pronunciato un secondo prima che il toro t’incornasse. Tra le gambe

 

 

Annunci

O laudato


Cascano i migranti come cacche di piccioni. Come gli italiani d’america. O d’Australia. Valigia e maccheroni.
E gli unni costruiscono la grande muraglia. Io mi ci ficco
dentro
fumando marijuana e
inneggiando
Laudato Sii O Mio Signore
mentre
sotto di me passano
le orde musulmane.
Mamma li Turchini.
In una grande mensa di cioccolato l’Unione Europea si stuzzica i denti e decide come macellare carne. Vacche in cerca di pascoli. Praterie infinite dove rendere grande l’Islam al servizio del Grande Fratello. Io vedo mozziconi di sigarette invadere la savana, la steppa e riversarsi ad Arcore in masse di ossibuchi.
Là dove un uovo alla cocque spiaccica il proprio tuorlo in una stuoia di pane e farina, mozziconi di carne umana strappata al sole africano camminano e camminano forti della loro debolezza. Se si trattasse di soldati li avremmo già sterminati, ma i civili no. Ma quant’è grande l’esercito del Papa? Chiese Stalin. E quello dell’islam? Chiedo io.
Tutti amici o anche mujahidin mandati dall’uomo nero in una casa bianca?
L’invincibile armata si sciolse al sole davanti all’Inghilterra, sole, si fa per dire. Noi ci friggiamo le patatine davanti al sole di Bruxelles che quando c’è una grana è colpa sua.
Noi facciamo le riforme e le diamo da mangiare ai pesci
Pesci che pisciano su
pesci che pescano
altri pesci e insieme
scappano
fuori dalla prigione
Dormono
insieme alle mogli dei poeti
e dei preti.
Scopano
e finiscono tutti in una rete tesa dalla
diarrea
di dichiarazioni di cordoglio per i maro’ che ridono al sole dell’India e corrono felici per i prati cantando “Loacker che bontà”. Oggi salta fuori che le pallottole che hanno ammazzato gl’indiani sono diverse da quelle dei maro’. Guarda un po’. E tre anni fa invece erano uguali?
Mi è cascato l’immigrato in testa. Non mi ha fatto male. Ma si è chiuso nel gabinetto proprio la mattina quando devo andare in ufficio.
E allora sempre sia lodato Magdi Cristiano Allam che sarà il prossimo Papa

Lo scrittore


Hotel del Disinganno

agota-kristof_foto_02

Mi sono ritirato per scrivere il capolavoro della mia vita.
Sono un grande scrittore. Ancora non lo sa nessuno, perché ancora non ho scritto nulla. Ma quando lo scriverò, il mio libro, il mio romanzo…
Per questo ho lasciato l’incarico di funzionario e… cos’altro? Nient’altro. Perché amici non ne ho mai avuti, e amiche ancora meno. Tuttavia mi sono ritirato dal mondo per scrivere un grande romanzo.
Il problema è che non so quale sarà l’argomento. Si è già scritto talmente tanto su tutto e qualunque cosa.
Intuisco, sento di essere un grande scrittore, ma nessun argomento mi sembra abbastanza buono, vasto, interessante per il mio talento.
Quindi aspetto. E, chiaramente, nell’attesa soffro la solitudine, e anche la fame, ogni tanto, ma è proprio attraverso questa sofferenza che spero di accedere a uno stato d’animo che mi porti a scoprire un argomento degno del mio talento.
L’argomento purtroppo tarda a…

View original post 95 altre parole


Black block di tungsteno blu
Pongo si trastulla con l’umanità reggendo un reggiseno con il moccolo di una candela asmatica. Il senso di una trasmissione serale dedicata agli scrittori morde il freno di un gallo redentore di fronte al terzo occhio di un Buddha che pratica sci estremo.
Il mallo elicoidale di una passera cinguettante si stacca provocando uragani sulla Sardegna dove i superstiti si guardano in cagnesco mostrando i segni del tempo che passa e gli affligge col collo di una damigiana con la sottana.
Belando e ridendo Iura Estasi si masturba davanti alla statua di una sega per metallo arrugginito e si passa una lima tra le cosce per provocare più attrito a causa dei calli fosforescenti che le fuoriescono dalle ovaie tentacolari che hanno stritolato più di un pene.
Decomito e Gabbanella si intrecciano i loro rituali amorosi per imputridire gioiosamente nel corso di una manifestazione funebre in piazza Navona insieme a due black block omosessuali che praticano il sadomaso spinto per le scale di una scala antincendio
Non oso vituperare una vecchia assassina di orche e balene mentre parla da un peschereccio di gommapiuma e solca gli oceani bevendo l’acqua del mare come fosse coca cola spremuta da una patatina fritta
Il gallo canta sempre troppe volte
tungsteno ,Pongo ,reggiseno ,senso ,trasmissione ,redentore ,Buddha ,sci estremo, sottana, Sardegna ,uragani ,passera cinguettante ,mallo ,elicoidale ,black block ,calli fosforescenti ,vecchia assassina ,orche ,balene peschereccio ,gommapiuma ,piazza Navona imputridire

Duro pescare solo con la sincerità


Una monaca in calore si distende sulle caviglie nella posizione di adorazione del proprio Dio. Un organo aperto che canta le lodi del Signore e gli dona la propria castità per la loro vita eterna in pace con i suoi figli. Una preghiera aperta a ricevere lo spirito santo in un umido abbraccio tra corpi a forma di serpenti e croci tenere come cioccolato che si unge di olio d’oliva in una mungitura estrema del suo seno voluttuoso e sensuale. I suoi occhi grandi ed eterni lo guardano dal basso all’alto mentre osservano la forma del sacro corpo racchiusa in un’urna eretta in onore del loro amore. Una materia organica si muove insieme alla sua saliva per digerire spermatozoi caldi e bianco latte che raggiungono il basso ventre e la inondano di lucida droga.
Un’unica madre intensamente perdona la figlia di una scarpa d’onore che battezza i grandi positroni e afferra la croce con le unghie fino a chiudere gli occhi in segno d’interpunzione e maledire il giorno di nascita e i suoi occhi si chiudono a tornano a piangere sul latte schizzato da una pompa a benzina. Gloria si addormenta in una pace che uccide. Mentre gli arti si paralizzano ricorda una bambina spensierata che correva sulle travi arrugginite di una montagna di rifiuti industriali nella periferia di una grande città e guardava il mondo per la prima volta da una posizione suicida.
Un poliziotto si dedica intensamente alla sua attività di fare multe e arrestare casalinghe in pensione e lupi mannari che si lavano i denti prima di mangiare. Un giorno perde un piede per strada e si rivolge alla polizia ma gli dicono che non possono farci niente. Denuncia il furto e aspetta la manna dal cielo. Il cielo piove e la pioggia ride di sprazzi di edonismo pelato. Pepe si gratta il cranio e pensa al suo piede mentre la canizie incalza e dopo venti anni decide di uscire di casa senza il suo piede, ma in fondo, pensa, senza piede volerò più leggero. Fu così che si dedicò alla lievitazione gassosa.
Buonanotte.

Merluzzi improvvisati


Un sapore acido di giallo limone mi attraversa le vene e parla di Dio a un’Elettra confusa per la morte del padre. Le Erinni danzano in coro e vogliono sangue per placare la loro sete di vendetta in mezzo a tori scatenati. Mi ricordo delle canzoni psicadeliche che ci iniettavamo in vena ai concerti rock. Un rock di passaggio che ha marcato a fuoco mezzo secolo di umanità così  come si marcano i buoi. Truppe di spazzatura che si muove agli ordini di atomi di merda dagli effluvi che fanno cadere i denti di un lupo che cerca il suo cibo in mezzo all’artico.

Nel brodo galattico nuoto in mezzo a grani di uva passa per odorare un circuito di formula uno e piangere solo perché hai cercato di scalare una partita di poker. Vuoi giocare alle mie regole. È un bel gioco. Quando si perde si cambia dimensione. Quando si vince si diventa sempre più simili a minerali. Desideriamo crogiolarci sulla sabbia di una spiaggia di un atollo nel pacifico e amarci senza granchi o meduse. Ma soprattutto in un mappamondo di diamanti che risplende e riflette la nostra saliva orgasmica.

Il fratello di Pinocchio mi parla e mi chiede uno stuzzicadenti in inox. Trovo che dovrebbe radersi ogni tanto che sembra un terrorista islamico. Gli cucio una giacca di pelle di asina e la imbottisco di piume di struzzo e sterco secco di pavone. “È la giacca più impermeabile che abbia mai avuto, grazie” mi fa mangiandosi un biscotto di marijuana insanguinato nella tazza che contiene le gengive di uno che è morto ieri di dissenteria acuta. Pesava centosei chili quando ha smesso di respirare ed è morto sulla tazza del bagno. Solo che ha continuato a defecare e l’hanno trovato solo per il tanfo che emanava il bagno. Una volta nella bara ne pesava quarantasei. “Ciao, alla prossima” mi fa il fratello di Pinocchio e si dimentica lo stuzzicadenti che nel frattempo è diventato d’oro.

 

Una scuola fiorita


Origlio i pesci di una triglia e fantomo una scuola di soubrette e conigli in giro per la terrazza di un campo fiorito di fiori fioriti. È primavera cazzo. È così che consumiamo il prosecco in una cantina sbevazzata di formaggio elettronico. Perché vogliamo cantare a squarciagola. Quindi prendiamo i coltelli e ce la squarciamo. Punto e finito. Finché l’olezzo della salvia divinorum non si fa strada tra le nostre conchiglie e apriamo una porta di catalessi astrale alla pulizia della buoncostume.

È un tenore quello che canta, signori miei. Non crediate che qui cantino solo puttane. No. Cantano anche sciovinisti e terrorizzati cani di miele turbato dalla cantilena di una cagna in calore. E sbavano. Bava burrosa scende dalle fauci sdentate di dobermann dal pelo liscio e scuro. Vi guarda e parla con voi. E canta le vostre promesse ipocrite. Le canta perché son belle. E qui preghiamo insieme per un tempo che non scorre. Bloccato al semaforo, mentre torna a casa dall’ufficio.