Sugo di delirio


Un delirio sfugge alla costante di Heysel e volge le sue corna contro un cratere di segatura arrugginita. Mi muovo nell’incomprensione di un cavallo impazzito. I colori del cielo ballano tra presidenti di cartapesta al suono dei violini Stradivari. I colori di un videogioco si baciano i culi senza pudore di storie di pazzia rossa.
Le cheer leader applaudono orchi e draghi che giocano a carte nella cortina di ferro.
Sbadiglia. Tu. Sbadiglia. è un gioco al massacro. Sbadiglia. Di noia. E di sugo di pomodoro che esce dal petto durante un’opera lirica.
Soldi cascano da cuffie radiosferiche che nascono dai tuoi sentimenti verso il Dio delle grazie.
Ti fai la doccia per vedere l’oro colare dai neuroni dopo l’elettroshock e lotti per mantenere un pelo di dignità dovuto alla schiavitù del sale.
Il lavoro rende liberi.
Diabolik ti guarda. Devi essere cauto. Sbadiglia per addormentarlo.
Con la pazzia urinaria di una statua di un principe dei poveri.
Mi succhio l’uccello da un paio di gambe che corrono attorno a un tavolo verde che si muove sulle sue unghie. Una forza muscolosa separa i miei occhi e chiude le palpebre. Sbadiglia. Cucina. E leggi. Il delirio di un sangue fresco che digerisce un pasto copioso.
Suoni rimbalzano nella mia mente.
Venti statuette applaudono sedicenti mausolei che annunciano la fine del mondo.
Angeli sbattono le ali e covano le uova

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...