Non ho l’età


Una pecora triste. È questo che mi passa sotto al naso colorato di violetto. Sotto voci di fighe ridenti del Texas durante un rodeo alla Scala di Milano. Mentre si fanno la doccia vedono la stella polare con la quale si spazzolano i capelli. Il rodeo inizia e la puzza di capra selvatica si sparge nel pube di Jessica mentre le sue amiche le spazzolano i peli e i capelli. Un dolce odore di sottomarino le solletica le gengive e spinge la spazzola sotto al pube insieme alla faccia di Johanna che la unge di lucido da scarpe prima di leccarla con un lussureggiante “occhio di triglia: la marca più indicata di attrezzi texani per sole donne. “Chi di capra ferisce di cavolo perisce” dice loro Anastasy che sostiene a malapena due tette che potrebbero fare da pista da sci.
Jessica e Johanna vengono insieme e ridono dei loro vagiti come bambine che guardano orsi polari nel cielo stellato di pesci e argento.
Nella notte del 14 agosto le nostre membra si smembrarono nell’angusto scantinato della zia Pina. E le mischiammo al mosto facendone del buon nettare degli dei greci.
Fu così che Santana si fece sparare alle palle durante un agguato all’OK Corrado, il famoso gioco a premi dove se vinci puoi uccidere chi ti pare e la vittima andrà in Paradiso o all’inferno secondo quello che dice Dante Spatozzi di ritorno da uno dei suoi famosi “Viaggi dell’estasi”. Comunque, dicevamo, Santana si fece sparare alle spalle, o alle palle, non ricordo più bene. Comunque ci restò secco lo stesso. È questo che volevo dire caro Coglionazzo.
Sì proprio tu che leggi. Sei un Coglionazzo. È bello insultarti perché so che tu ci godi fisicamente ad essere insultato. E lo sai che la cosa ti fa bene perché mamma ti ha insegnato che bisogna sempre dire la verità. Ma che la devi smettere di andare a puttane. Magari a trans sì, ma a puttane no. È ora di diventare persone civili prima di rimetterti il pannolone. Vecchio stronzo. E ignorante. Lo sai chi ha scoperto l’America? Frank Sinatra ecco chi. Ma tu non lo sapevi. Quindi sei stronzo. Ma ti perdono perché non è colpa tua ma di quell’imbecille che ti ha fatto. Ma questo è un altro discorso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...